Osservatori Locali
L'importanza della partecipazione
La comunità locale che contribuisce alla costruzione del futuro

 

Il paesaggio è vita. Con le sue bellezze, le sue contraddizione, le sue difficoltà. Un patrimonio da valorizzare, migliorare e far conoscere. Ma solo chi abita sui territori può raccontare il significato della vita in quel contesto. Ecco perché la partecipazione dei cittadini è importante: aiuta a comprendere il paesaggio, ma soprattutto contribuisce a costruire la visione migliorativa del futuro più adatta a quello spazio. Gli Osservatori locali, la cui attivazione è in programma nel 2018, nascono anche per questo.

Osservatori locali

L’Osservatorio regionale ha definito così i criteri di riconoscimento degli Osservatori locali del paesaggio, proposti alla Giunta con DGR 559/2018: partecipazione ampia, plurale e rappresentativa della comunità locale; capacità di raggiungere e dialogare con i comitati di cittadini, associazioni per la protezione dell'ambiente, enti pubblici, enti e associazioni culturali che operano su temi inerenti, associazioni di categoria e ordini professionali. L'Osservatorio locale, affinché possa essere riconosciuto, dovrà comprendere al suo interno un rappresentante di almeno tre delle seguenti categorie: riferimento a una porzione territoriale di area vasta, sovracomunale e significativa di un insieme paesaggistico coerente; impegno a trattare dell'insieme dei temi che costituiscono la dimensione strutturale del paesaggio e del patrimonio territoriale; impegno a collaborare con una rete di osservatori coordinati dall’Osservatorio regionale o dagli Osservatori nazionali del paesaggio in uno spirito di reciprocità e trasparenza; impegno ad aprirsi alle richieste di adesioni successive all’atto di formazione; indicazione di un rappresentante riconosciuto dall’Osservatorio locale, di una sede e di un programma di attività; garantire un’attività minima e continua nel tempo.